Ho deciso di scrivere questa riflessione, perchè è dal 1987, quando ce ne furono tanti qui a Porto San Giorgio, che sono sensibilmente terrorizzata. Ho conosciuto le scosse in quel lontano luglio 1987, poi le terribili vicende dell’Umbria nel 1997, e più recentemente le ancor più brutte vicende abruzzesi, dell’Aquila, nel 2009.

Qualche scossa qua e l’ha l’ho sentita, un altro sciame sismico, in emilia, qualche anno fa mi ha fatto stare in apprensione per i parenti che ho la (in particolare per le mie cugine).

Ora è da mercoledì che sono in ansia per “la mia emilia”, la mia quasi seconda patria (ebbene si, vivrò anche a Porto San Giorgio, procincia di fermo, ma sono nata a Scandiano, provincia di RE), dove ci sono le mie cugine, i miei zii, e si, ora, in questi giorni anche i miei genitori. Sono in apprensione, per loro, per tutti gli amici dei miei parenti e, come lo sono stata per l’umbria e l’abruzzo, anche per tutti gli altri. Si sono spaventati, molto, l’hanno detto anche mio padre e mia madre che i terremoti non li sentono mai, ma sembra, per fortuna, che non ci siano stati danni. E in questo momento la tv ha detto che, nonostante la magnitudo sia stata 5.4, non ci sono stati grossi danni segnalati. per fortuna, per le persone, per le cose e per tutto.

Scusate lo sfogo, ma anche a telefonare, sto avendo qualche problemino a prendere la linea con i cellulari che si trovano in emilia. Resto comunque preoccupata!

Sono comunque vicina anche a chi si è spaventato fuori dall’emilia, milano e lombardia, genova e liguria, friuli, e a tutti quelli che più o meno sono stati colpiti dal sisma.

Un’ultima cosa… è possibile che qualche vibrazione sia arrivata anche qui in provincia di fermo?????

Annunci